FIRMATA LA CONVENZIONE TRA CNOS-FAP E CSV

Saluzzo- Dopo un anno di sperimentazione il Centro di Formazione Professionale CNOS-FAP di Saluzzo ha scelto di rinnovare la collaborazione con il centro Servizi per il Volontariato (CSV) “Società Solidale della provincia di Cuneo. In base ad una convenzione con la Regione Piemonte, Assessorato istruzione, e l’Ufficio Scolastico Regionale del Piemonte realizza il progetto “Percorsi formativi alternativi alle sanzioni disciplinari” con l’obiettivo specifico di costruire percorsi educativi rivolti agli studenti degli Istituti di istruzione secondaria di secondo grado sospesi dalla scuola, attraverso lo svolgimento di attività socialmente utili principalmente presso Organizzazioni di Volontariato e gli Enti del terzo settore. Il fine quindi dell’iniziativa è la costruzione di una rete di collaborazione tra le scuole ed il mondo del volontariato per favorire un reale e concreto confronto con i valori delle solidarietà e l’assunzione di stili di comportamento positivi, contribuendo alla formazione di una coscienza solidale e responsabile, ed un catalogo di opportunità per favorire la crescita di questi giovani. Il nostro Centro di Formazione ha scelto di cogliere questa opportunità firmando un protocollo d’intesa nel quale garantisce l’assunzione agli studenti coinvolti, il tutoraggio di ogni percorso e nomina e un referente per ogni partner (Forum del Volontariato, Istituto Scolastico ed Organizzazione del volontariato). I rapporti con le famiglie sono tenuti esclusivamente dai docenti referenti, per ogni studente viene ideato un percorso personalizzato, in accordo con il docente, che potrà essere realizzato al mattino, invece di frequentare le lezioni, o esclusivamente al pomeriggio, dopo la scuola. A conclusione di ogni attività l’associazione rilascia una sintetica relazione sul lavoro svolto e sul comportamento tenuto dal ragazzo che viene prontamente trasmessa all’insegnante. Il ragazzo invece compila un questionario sull’attività realizzata. Positivo è stato il rimando dei ragazzi coinvolti nelle attività, molti ragazzi hanno colto l’occasione per continuare i percorsi in autonomia con delle Associazioni, come ad esempio L’Oratorio Don Bosco o il Consorzio Monviso Solidale, attivando così percorsi di volontariato fino alla fine dell’anno passato. Durante il nostro percorso di crescita tutti noi cerchiamo qualcosa che ci aiuti a dare un senso alle nostre scelte e che ci mostri qual è la via da percorrere. Ci sono piccole esperienze che illuminano questa strada e a volte il punto di partenza di un lungo viaggio è molto più vicino di quello che potrebbe sembrare. Un GRAZIE quindi a tutte le Associazioni che scelgono di far parte del Forum del Volontariato, perché reputiamo questa un’occasione essenziale per educare i giovani a fermarsi e riflettere su ciò che il mondo offre. “L’essere buono non consiste nel non commettere mancanza alcuna: oh no! Purtroppo tutti siamo soggetti a commetterne. L’essere buono consiste in ciò: nello aver volontà di emendarsi” - Giovanni Bosco     D.C.                    

Nuovi corsi in partenza

Al CNOS Fap sede di Saluzzo sono aperte le iscrizioni a due corsi pomeridiano/serali aperti a disoccupati maggiorenni; i corsi, entrambi da 600 ore con 240 ore di stage in azienda, rilasciano la Qualifica professionale e sono gratuiti perchè finanziati dalla Regione Piemonte e dal Fondo Sociale Europeo.
Il primo percorso da Addetto Panettiere/Pasticcere (con nozioni di Pizzeria) si  svolge interamente presso la sede di Saluzzo e partirà in dicembre ; il corso da Addetto falegnameria si svolgerà in parte presso la sede di Saluzzo ed in parte presso il laboratorio del legno di Isasca (vicino Venasca), partirà al raggiungimento di 12 iscritti. Per maggiori informazioni potete rivolgervi presso la sede di Saluzzo in via Griselda 8 con orario Lun/ven dalla 8 alle 13 e dalle 14 alle 17, oppure potete mandare una mail a info.saluzzo@cnosfap.net o chiamare il numero 0175248285.

Saluzzo, i giorni dell’accoglienza nel rispetto della tradizione salesiana

Mercoledì 11 settembre i ragazzi di Prima del settore Acconciature, Panetteria-Pasticceria e Turistico del Centro di Formazione Professionale CNOS-FAP di Saluzzo hanno partecipato alle giornate di accoglienza ad Alassio insieme ai formatori di aula e di laboratorio. Tre giorni suddivisi tra attività ludiche e attività educative per iniziare bene l’anno scolastico insieme. L’Istituto Salesiano Madonna degli Angeli di Alassio è una struttura di accoglienza dove i nostri allievi hanno usufruito della mensa, del dormitorio e della spiaggia privata Don Bosco.
Il tema dei tre giorni era l’amicizia, in particolare tante sono state le riflessioni sulle letture del libro “Piccolo Principe” di Antoine de Saint-Exupéry, un racconto molto poetico del 1943 che, sotto forma di un’opera letteraria per ragazzi, affronta in realtà temi complessi e profondi, come il senso della vita e il significato dell’amore e dell’amicizia.
In ogni capitolo di questo libro il protagonista incontra dei personaggi diversi su diversi pianeti e con i nostri ragazzi si è scelto di incentrare le letture dell’accoglienza sui capitoli: IO CHI SONO-TU CHI SEI e AMICIZIA-TU MI APPARTIENI.
Il divertimento è stato al primo posto: tornei di pallavolo, gioco dell’oca gigante e giochi senza frontiere, tutti hanno partecipato con entusiasmo e spirito di iniziativa. Non è importante vincere ma l’importante è parteciparequesto era il nostro motto e così è stato. Dal primo giorno i gruppi classe hanno capito e rispettato tutte le regole di comportamento riferite dai propri tutor di corso, momento essenziale di confronto e di crescita per i ragazzi.
Un’ esperienza quindi piacevole quella di Alassio per i ragazzi e per noi formatori, perché con l’occasione abbiamo avuto modo di iniziare ad instaurare un rapporto di fiducia maggiore al di fuori dell’aula, sin dall'inizio.
Ripensando agli insegnamenti di Don Bosco si ricorda il luogo preferito di Don Bosco: il cortile, luogo di profondo piacere dedicato all’incontro e del vivere insieme, la parola d’ordine dell’educatore è dunque “Io sto bene con voi” e Alassio è stato il luogo ideale per socializzare e iniziare a mettere le basi per un nuovo percorso di formazione.
D.C.

Saluzzo, anno formativo 2019-20 iniziato

L’anno formativo 2019-2020 è iniziato: 9-9-2019, data importante per i nostri ragazzi del Centro di Formazione Professionale Salesiano CNOS-FAP di Saluzzo che oggi iniziano un nuovo percorso formativo.
I primi fortunati ad iniziare sono i ragazzi di Prima settore Operatore del benessere indirizzo acconciatura con 25 alunni, i ragazzi del settore Operatore agro-alimentare panetteria, pasticceria e pizzeria con 23 iscritti, e per la prima volta il corso triennale Operatore ai servizi di promozione ed accoglienza - strutture ricettive (per il turismo del territorio) - con 22 studenti. Seguiranno a breve i momenti di accoglienza presso l’Istituto Salesiano di Alassio - Madonna degli Angeli -con i ragazzi di prima e i formatori di aula e laboratorio. Si tratta di giornate di conoscenza, divertimento e preghiera per iniziare insieme il nuovo anno formativo.
Dal 16 settembre il rientro effettivo sarà anche per tutti i ragazzi dei corsi del Secondo, Terzo e anche per quest’anno il Quarto anno di acconciatura per il raggiungimento del Diploma professionale come Tecnico dell’acconciatura.
Durante l’estate sono stati portati a termine importanti lavori di adeguamento dei locali, in particolare il laboratorio di panetteria/pasticceria nel quale oltre alla piastrellatura delle pareti sono stati acquistati nuovi macchinari utilizzabili anche dal percorso del turistico, per il reparto caffetteria e sono stati sostituiti tutti i pc delle due aule di informatica. Ripartono anche i corsi gratuiti perché finanziati da Regione Piemonte e Fondo Sociale Europeo, rivolti ad adulti disoccupati: Addetto Panettiere/pasticcere e Addetto Falegnameria con il supporto del laboratorio del legno di isasca.
La nuova direzione e tutti i formatori del Centro augurano un BUON INIZIO, ricordando gli insegnamenti di Don Bosco che ci invita a mettere l’educazione e la formazione a servizio della crescita integrale dei giovani, a farne espressione di un progetto di vita e quindi di salvezza.
"Volete fare una cosa buona? Educate la gioventù. Volete fare cosa santa? Educate la gioventù. Volete fare cosa santissima? Educate la gioventù. Volete fare una cosa divina? Educate la gioventù. Anzi tra le cose divine e divinissima" D. Bosco, Memorie Biografiche, XIII, 629

Saluzzo, Miss Turnover 2019 con le nostre allieve acconciatrici

Sabato 7 settembre si è tenuta a Cavallermaggiore il Concorso di Miss Turnover 2019 e il Centro di Formazione Professionale CNOS-FAP di Saluzzo ha partecipato con le allieve e gli allievi del futuro quarto anno e secondo anno di Acconciatura.

Le Miss erano circa una trentina e i ragazzi del CNOS hanno lavorato tutto il pomeriggio preparando varie acconciature. La più richiesta è stata la tendenza del momento: capello mosso con effetto naturale, ma tanti anche hanno osato con acconciature frisè. A seguire i bimbi, anche loro modelli per un giorno, hanno voluto imitanre le Miss, qualche treccia e qualche raccolto.

La vincitrice del concorso è la Miss di Saluzzo Giorgia Nasi, bellissima ragazza con una folta chioma riccia.

Un ringraziamento speciale va agli organizzatori del concorso e l’insegnante di laboratorio Gabriella Cometto che con la sue competenze da professional ha supportato i nostri giovani studenti nella realizzazione di acconciature di tendenza per le Miss.

Dalila Cravero


Alcune foto

Legno&Ingegno a Saluzzo

Il 10 luglio si è concluso il percorso post diploma "IFTS - Tecniche per la realizzazione artigianale di prodotti del made in Italy", corso programmato dalla Regione Piemonte e finanziato con Fondo Sociale Europeo, che ha visto la collaborazione tra l'Associazione CNOS-FAP capofila con la sua sede di Saluzzo, l'IIS Denina-Pellico, l'Università di Torino - dipartimento di Marketing, il Consorzio Saluzzo Arreda e la Bertolotto porte SPA.Il corso, fortemente voluto dal "Polo del legno" del Saluzzese, con l'interesse del Comune di Saluzzo, le aziende artigiane del territorio e le associazioni di categoria ha visto interessati 25 ragazzi e ragazze che da novembre si sono cimentati nella progettazione di complementi d'arredo caratterizzati dal "made in Saluzzo"  con le caratteristiche per essere venduti sul mercato globale; 20 di loro hanno conseguito il titolo finale e 6 hanno già ottenuto un contratto di lavoro in aziende del settore. Nel mese di Settembre sarà organizzato un evento pubblico di presentazione dei risultati ottenuti, momento nel quale si potrà fare il punto della situazione in merito alla formazione nel settore legno nel saluzzese e analizzare eventuali possibilità future in accordo con le esigenze delle aziende. "Il corso è stato frutto di una ottima collaborazione tra aziende ed enti pubblici ed è stata la possibilità per aprirsi anche a settori diversi rispetto a quelli per il quale il centro CNOS è stato finora conosciuto, in continuità col percorso del Legno dell'IIS Denina/Pellico. E' stato un percorso proficuo anche dal punto di vista umano, visto il livello e l'interesse dimostrato da parte dei nostri iscritti, che ringraziamo per il lavoro svolto": queste la sintesi dell'Arch. Paolo Trucco, progettista e tutor del corso.

SCUOLA-LAVORO al CnosFap di Saluzzo: conclusa la sperimentazione FIxo

SCUOLA-LAVORO: al CNOS-FAP di Saluzzo si conclude con successo il primo corso triennale di sperimentazione FIxo. Venerdì 14 giugno si sono conclusi gli esami di qualifica per Operatore della Trasformazione Agroalimentare del corso che tre anni fa ha dato avvio alla sperimentazione del sistema duale di alternanza scuola-lavoro FIxO presso il Centro di Formazione Professionale salesiano di Saluzzo. Il percorso era stato presentato il 2 maggio del 2016 alla presenza dei sindaci di Saluzzo e di Savigliano (Mauro Calderoni e Claudio Cussa) e dell’amministratore delegato dell’impresa madrina della sperimentazione, la ‘Albertengo S.p.a.’Massimo AlbertengoIl CFP di Saluzzo è stato l’unico ad attuare in Piemonte la sperimentazione del sistema duale nell’ambito delle trasformazioni agroalimentari - indirizzo panetteria e pasticceria.  La formazione duale fa riferimento al modello di formazione alternata fra scuola e lavoro, che vede le agenzie formative e i datori di lavoro fianco a fianco nel processo formativo. In questi tre anni alcuni ragazzi si sono inseriti in azienda usufruendo di un contratto di apprendistato di primo livello che consente di far coesistere lo stato di studente e di lavoratore.  Alcuni dei qualificati hanno deciso di proseguire gli studi, intraprendendo il Diploma Professionale di Tecnico della Trasformazione Agroalimentare presso il CnosFap di Savigliano e coloro che avevano in essere il contratto di lavoro lo estenderanno anche il prossimo anno, continuando la loro formazione di scuola-lavoro.  Ai ragazzi qualificati va riconosciuto l’impegno nel percorso di studi e nella formazione ricevuta in azienda. Paolo Trucco Progettista e referente Marketing Cnos Saluzzo

Saluzzo è musica anche al CFP

"Abbiamo partecipato al Bando indetto dall'Anpi Saluzzo "Canzone per la libertà" (in occasione dell'anniversario della liberazione d'Italia) indirizzato agli studenti delle scuole superiori di Saluzzo, per la realizzazione di una canzone musicata sul tema della "Libertà". I brani sono stati valutati da una commissione composta da tre componenti del direttivo dell'Anpi Saluzzo e tre esperti musicali", racconta Alberto Anelli formatore del CFP di Saluzzo.
"Il nostro Dennis ha vinto il secondo premio che consiste in un buono libro da 200 Euro, distinguendosi specialmente per la parte musicale e di canto. Il testo della canzone è stato scritto dal nostro allievo mentre la musica è stata composta dal suo professore di canto.
La premiazione è avvenuta nella serata del 29 aprile, presso la Scuola di Alto Perfezionamento Musicale di Saluzzo, all'interno della presentazione di un libro su Tina Anselmi di Marcella Filippa."
Ecco succede anche questo con gli allievi dei CFP Salesiani!

Visita tecnica per capire come nasce il formaggio

Gli allievi del quarto anno per il diploma professionale, Tecnico della trasformazione agroalimentare, sono stati in visita tecnica alle Fattorie Fiandino http://fattoriefiandino.it/ di Villafalletto (CN) per conoscere quali sono le lavorazioni per produrre il formaggio e quali sono le prospettive lavorative del settore. Per Denise, una dei 21 allievi del corso, è stato una sorpresa scoprire che il caglio è un composto a base di enzimi di origine animale capaci di determinare la coagulazione delle caseine contenute nel latte e passato l’effetto sorpresa, ha sottoposto l’incaricato dell’azienda che li ha accolti, a una batteria nutrita di domande per saperne il più possibile. Lei ed i 21 allievi del CFP di Savigliano, uno dei quattro centri di formazione professionale del CNOS-FAP siti nel Cuneese, hanno potuto fare questa esperienza grazie all’intraprendenza della tutor Sonia Arnolfo e alla perspicacia dei formatori, in particolare di Matteo Vuksani, che sanno bene come interessare i giovani allievi e motivarli perché imparino bene il mestiere, appunto le lavorazioni agroalimentari, e si specializzino in un settore come quello caseario, che in Italia è molto diffuso e offre notevoli sbocchi lavorati. Don Gabriele Miglietta, direttore del CFP, è uno di quei Salesiani vulcanici che di certo non si fa crescere l’erba sotto i piedi, “vede avanti” e crede molto nella Formazione Professionale come sistema educativo in grado di invogliare i giovani ad essere protagonisti delle loro scelte e della loro preparazione al lavoro e alla vita. Per questo delega queste scelte ai suoi collaboratori, lasciando loro la responsabilità di condurre il percorso formativo, come in questo caso. Trascorre le sue giornate in mezzo ai giovani senza interruzione di sosta dovendone sovraintendere a ben due CFP, l’altro è quello di Saluzzo, e guidare un nutrito gruppo di giovani formatori da integrare insieme a quelli con più esperienza lavorativa. Dopo una esperienza come questa Don Gabriele ci tiene a sottolineare che: “Il percorso che porta al diploma professionale di quarto anno a Savigliano è basato sullo studio teorico e pratico delle trasformazioni agroalimentari e si articola tra attività formative in laboratorio, aula didattica e visite tecniche come quella che abbiamo descritto. Le loro lavorazioni la birra del formaggio, la carne come lavorazione di macelleria, le verdure per produrre la conserva, sono contenuti che arricchiscono il bagaglio di conoscenze insieme a quelle della panificazione, pizzeria e pasticceria. Questo permette ai ragazzi di avere una formazione specialistica e accrescere le possibilità di occupazione” e ci invita a visitare i due CFP e scoprire anche che c’è una buona offerta formativa anche per gli adulti, sia chi lavora già che per chi invece è disoccupato.”

Ricciolo d’oro – 48 edizione del concorso internazionale per parrucchieri e apprendisti

Il CFP di Saluzzo ha partecipato il 17 febbraio alla 48 edizione del concorso internazionale per parrucchieri e apprendisti RICCIOLO D'ORO, tenutosi in Svizzera. "E' stato un successo non solo per il risultato conseguito e le medaglie portate a casa, ma per l'impegno che i nostri allievi hanno profuso e lo spirito che ci hanno messo!", racconta nel suo reportage Gabriella Cometto formatrice del CFP di Saluzzo e referente del settore. "Hanno messo in pratica tutti gli insegnamenti ricevuti durante la preparazione che è stata dura e irta di ostacoli. Forse proprio per questo il risultato assume maggior importanza. Ad un certo punto sembrava dovessimo mollare tutto, invece abbiamo tenuto duro tutti insieme allievi e formatori, che ringrazio per la partecipazione e i sacrifici fatti. Ci siamo sostenuti a vicenda e tutti insieme abbiamo portato a casa medaglie e piazzamenti di prestigio, perché ci confrontavamo con apprendisti che lavorano in azienda e quindi oltre alla formazione hanno già la manualità e l'esperienza del posto di lavoro."I risultati conseguiti:
Ye Shanqing, 7° posto per la prova del secondo anno acconciatura raccolta  e 7° posto nella prova freestyle apprendisti con tema CaHairNival;
Villosio Andrea, 8° posto per la prova del terzo anno taglio uomo;
Abbà Elia, 10° posto per la prova del terzo anno taglio uomo.
I complimenti vanno anche agli allievi che non si sono aggiudicati piazzamenti a medaglia ma che hanno partecipato ben figurando: Sola Roberta, Donato Michela, Jaku Leonida, Cerruti Rebecca, Paparella Martina.
"Un grazie anche alle formatrici che li hanno accompagnato e sostenuto insieme a me: Cravero Dalila, Ponso Virginia, Monchiero Luisa." "E poi mi concedo una considerazione a voce alta. - prosegue Gabriella Cometto nel suo resoconto - Credo che niente sia più appagamento per un formatore che vederli lavorare da soli, in autonomia, consapevoli che avrebbero dovuto superare l'emozione della gara. I giovani sono in grado di tirar fuori risorse sconosciute a noi adulti e sono in grado di superarsi. Dovremo essere più capaci ad ascoltarli ed apprezzarli perché in queste occasioni, e non solo, ci dimostrano che al CFP imparano molto, più di quanto noi stessi non siamo in grado di immaginare e magari valutare!"