Chi porta un RAEE porta un tesoro

        Il Global E-waste Monitor ha stimato che nel 2030 la quantità di rifiuti elettronici generati nel mondo supererà i 74 milioni di tonnellate. La quantità globale di rifiuti elettronici sta aumentando a un ritmo di quasi due milioni di tonnellate all'anno e l’Unione Europea ha obiettivi molto ambiziosi sulla raccolta e il recupero di questa tipologia di rifiuti.
I target entrati in vigore nel Piano d’Azione per l’Economia Circolare prevedono infatti che gli Stati membri raggiungano un tasso minimo di raccolta del 65% di tutti i RAEE rispetto al peso medio delle apparecchiature elettriche ed elettroniche immesse sul mercato nei tre anni precedenti o, in alternativa, dell’85% dei RAEE prodotti nel territorio dello Stato membro.
Anche nel nostro territorio, con la campagna di comunicazione #PortailTesoro finanziata dal Centro di Coordinamento RAEE, il Consorzio SEA si è impegnato a incoraggiare i cittadini a portare i propri rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche nelle Isole ecologiche, e contrastare così gli abbandoni.
Con l’inizio del nuovo anno scolastico #PortailTesoro ha ampliato il proprio raggio d’azione coinvolgendo attivamente tutti gli Istituti superiori del territorio e individuando nei giovani dei grandi alleati per il recupero dei RAEE.
Anche nel Centro di Formazione Professionale è stata attivata una raccolta dei piccoli RAEE: sarà quindi possibile consegnare presso il contenitore che si trova presso il CNOS-FAP in via Griselda, 8 i propri rifiuti elettrici ed elettronici della dimensione massima di 24 cm, ad esempio smartphone, cuffie, caricabatterie.
«Il progetto, che ha previsto il collocamento dei contenitori e l’attivazione di un servizio dedicato agli Istituti superiori – sottolinea il presidente del Consorzio Fulvio Rubiolo – è un invito agli studenti a portare i loro piccoli rifiuti elettronici a scuola. La raccolta dei RAEE a scuola è un passaggio fondamentale per contribuire a creare una cultura sul recupero e il riciclo delle apparecchiature elettriche ed elettroniche, e per dimostrare con azioni concrete il nostro impegno, come territorio, al raggiungimento degli obiettivi dell’Unione Europea. Il riciclo è fondamentale da un lato per ridurre l’inquinamento e tutelare la nostra salute, dall’altro per recuperare molte materie prime da riutilizzare in nuovi processi produttivi».
Per rimanere sempre aggiornati sulle attività dedicate ai RAEE: https://www.consorziosea.it/porta- tesoro-all-isola/